CHEF – LA RICETTA PERFETTA – IL RECEMENÙ

Ladies and gente varia, benvenuti al ristorante L’OSSERVATORIO grotta culinaria famosa per non dedicare mezza parola sulla cucina o sul cibo in generale [che fino a ieri pensavo che la guida Micheline fosse un catalogo di pneumatici, direi che la cucina non fa per me], ma se si parla di film, telefilm, fumetti e roba del genere allora siete nel non-ristorante che fa per voi! Nel menù di oggi il cuoco pizzaDog [che non sa neanche fare un piatto di pasta ma sa fare dei panini al tonno che levati] vi delizierà con la recensione di CHEF – LA RICETTA PERFETTA [sottotitolo italiota che nulla centra con la pellicola] scritto, diretto, ideato, prodotto, interpretato e chissà cos’altro da Jon Favreau.

Bon appètit!

ANTIPASTO

chef antipasto

Il film parte nel più moscio dei modi. Vediamo Jon Favreau nel ruolo del cuoco Carl Casper [nome così cacofonico che non abbrevierò più per il resto della recensione] cucinare per tutto il tempo elargendo consigli spesso manco richiesti ai sui probabilmente sottopagati aiutanti. Non c’è nulla di nuovo ne di accattivante, anzi fin da subito la pellicola pare confusa e non è ben chiaro dove si voglia andare a parare. L’unico faro di sceneggiatura è rappresentato dall’arrivo del critico culinario Ramsey [no, non quel Ramsey] che dovrebbe scrivere un articolo sul ristorante in cui lavora il nostro. C’è molta agitazione in cucina specialmente da parte di Carl Casper ma la cosa non coinvolge per nulla lo spettatore.

PRIMI PIATTI

chef primo

La storia prosegue piatta e si continua a non capire quale sia la storia principale [nel trailer si vedeva un viaggio ON THE ROAD con Carl Casper e famiglia, ma sono passati 30 minuti e ancora stiamo aspettando il critico culinario]. Nel frattempo tra una ripresa di Carl Casper che cucina e l’altra si buttano in mezzo argomenti vari come la tecnologia, i social network [twitter sarà al centro del dramma], reality di cucina a la Hell’s Kitchen…insomma un sacco di roba che non viene per niente trattata ne approfondita [c’è anche una scena importante tra padre e figlio che dovrebbe tipo stare alla fine del film, non all’inizio!]. Intorno a Carl Casper e alla sua lotta per ricevere la miglior critica possibile dall’imminente articolo, ruotano una serie di personaggi [per altro mai presentati, ma tanto non verranno approfonditi e quindi chissene] interpretati da nomi mica male come: Dustin Hoffman, Scarlett Johansson, Sofia Vergara e Robert Downey Jr. [ma mettiamoci dentro anche Bobby Cannavale e Oliver Platt]. Onestamente stavo quasi per interrompere la visione, non c’era niente che attirasse la mia attenzione, anzi ad ogni minuti si creava sempre più confusione tra argomenti e il via vai di attori [l’entrata in scena di Bob Downey Jr è molto divertente ma totalmente fuori luogo, improvvisamente sembra di assistere ad un altro film]. Resisto però alla tentazione di spegnere la tv perché so che il buon Favreau è uno di quelli che se la cava meglio nei film piccoli che nei grandi blockbuster e perché sento che questo polpettone di star hollywoodiane sia solo un esca per la portata principale.

SECONDI

Film Summer Preview

Ed è infatti nella seconda parte che il film esplode e si rivela per quello che voleva essere! Fanculo l’alta cucina e fanculo i critici culinari, Carl Casper molla tutto e parte per un viaggio con un food-truck rimesso a nuovo da lui e suo figlio [e soprannominato EL JEFE]. La pellicola, così come la vita del protagonista, acquista improvvisamente colore, diventa più leggera e piacevole accompagnata da una colonna sonora sempre perfetta. Ci si libera anche dell’ingombrante presenza di super star lasciando lo schermo ai tre personaggi principali, quattro se contiamo Sofia Vergara [sei se contiamo le tette di Sofia Vergara]. Carl Casper, il figlio Percy e l’amico Martin [un perfetto John Leguizamo] intraprendono questo viaggio dalla Florida alla California facendo innamorare tutti della loro cucina e dalla loro passione per il buon cibo. Mi aspettavo da un momento all’altro la classica “svolta negativa” e di occasioni ce ne sono anche state: mi aspettavo un incidente con il camioncino, che Martin avesse un secondo fine, che Bob Downey avesse un secondo fine, che la licenza non fosse valida, che l’ex moglie di Carl Casper si riprendesse suo figlio, qualche svolta legale nel fattaccio su twitter…niente! Non accade niente di tutto ciò! Siamo talmente abituati alle classiche strutture da commedia americana che quando assistiamo a qualcosa di diverso rimaniamo spiazzati!
Piacevolmente spiazzati in questo caso!

DESSERT

chef

Il film prosegue e si conclude con l’inevitabile e frettoloso happy ending. Come film direi che non è proprio riuscitissimo, è decisamente sbilanciato, tutta la prima parte è piatta e noiosa e si usano delle superstar tanto per attirare il pubblico fino alla seconda parte, una seconda parte però davvero piacevole che presenta qualcosa di diverso nel panorama delle commedie americane. Non so se la cosa sia stata voluta [il bello del film coincide con la svolta nella vita di Carl Casper], però tutto sommato il film si lascia guardare, la storia prosegue bene scivolando via nelle sue quasi 2 ore. La regia si prende i suoi tempi e cerca di non strafare troppo lasciando proseguire la storia in modo naturale, anche se lo sforzo di Favreau nel far vedere quanto possa essere bello ed elegante cucinare un piatto di alta cucina è evidente nei mille dettagli di un singolo passaggio [ma Fevreau non è Soderbergh e spesso e volentieri l’effetto è quello da spot televisivo].
Insomma una commedia diversa e non proprio riuscitissima ma sicuramente piacevole.
Unico accorgimento: alla fine del film mi è venuta una fame che altro che Cubanos, mi sarei mangiato direttamente Carl Casper, quindi è consigliata la visione a stomaco pieno!
Siete stati avvisati!

chef police

Annunci

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...