RECENSIONE: I FANTASTICI 4 (QUELLO CON JESSICA ALBA…QUELLO BELLO INSOMMA)

E anche qua in Italia è finalmente arrivato l’atteso [atteso?] nuovo film di Josh Trank dedicato alla famiglia di supereroi per eccellenza: FANT4STIC FOUR – I FANTASTICI QUATTRO: I QUATTRO FANTASTICI – 4 FANTASTICI FOUR [o una cosa del genere, non ho capito come cazzo è stato tradotto il titolo qua in italia]. Film che dire discusso è dire poco e che tra problemi durante la realizzazione, insulti da parte dai fan e bocciature da parte di tutti gli altri si appresta ad essere uno dei peggiori cinecomics della storia! C’è da andarci fieri!

Per questo e per altri mille motivi [che spiegherò magari in un post o magari no] non lo andrò a vedere e di conseguenza non lo potrò recensire [peccato eh, che ci tenevo….]. In compenso voglio parlare di quell’altro film dedicato al quartetto di supereroi Marvel!
No, non lo (s)cult del 1994 prodotto da Roger Corman [non ho mai avuto il piacere di vederlo] ma quello del 2005 diretto da Tim Story con Jessica Alba come Donna Invisibile e Capitan America nei panni della Torcia Umana.

Perché ultimamente  un film o è PERFETTO o è una MERDA TOTALE, non esistono più sfumature di grigio e per qualche oscura ragione F4 è ricaduto in questa seconda categoria, quando invece a me non è dispiaciuto per niente perché l’ho sempre trovato un film carino, divertente nonostante tutto ben confezionato e con protagonisti, atmosfere e origini abbastanza fedeli al fumetto. Non capirò mai perché la gente lo schifa tanto.

Il sequel invece no, quello è cacca liquida.

f4-95

Comunque prima o poi questo film lo devo recuperare….lo DEVO assolutamente recuperare…

Se volete un cinefumetto serio, profondo, introspettivOH sulla falsa riga di BATMAN BEGINS allora è caldamente sconsigliata la visione!
I FANTASTICI 4  di Tim Story sono di quanto più fumettoso si possa trovare in circolazione. Questo è il suo pregio e il suo più grande difetto.
Il tutto però va detto, trova origine proprio dai comics! Il quartetto della Marvel non è mai stato fonte di storie sporche, crude o con personaggi tormentati. Fin dagli anni ’60 [quando furono creati], le storie di Stan Lee e ancora di più le matite di Jack Kirby hanno sempre cercato di esplorare una nuova dimensione della fantascienza nei fumetti, del sense of wonder e per la prima volta in assoluto di una famiglia composta da supereroi.

E il film di Story tutto questo ce l’ha!

f4-jessica-alba

Oltre ad avere Jessica Alba che già di suo ripaga la visione dell’intero film!

Proprio come nel fumetto, nel film c’è la voglia da parte dei protagonisti di esplorare nuovi universi, ci sono i superpoteri e la scoperta di essi, ognuno rappresentato come uno specchio del personaggio stesso e soprattutto c’è quel senso di famiglia che ha fatto la fortuna dei FabFour nel lontano 1961. Ogni personaggio è caratterizzato a dovere sia singolarmente che in gruppo:

  • Reed Richards è il cervellone del quartetto, quello più composto e lungimirante ma soprattutto fa del suo intelletto il suo vero superpotere! Quella di sapersi allungare è solo un accessorio utile in svariate occasioni [e vi risparmio facili battute]. Ioan Gruffudd nonostante l’impronunciabile nome, ha i tratti del Mr.Fantastic del fumetto e lo interpreta perfettamente;
  • Jessica Alba è quella più discussa dell’intero cast ed è evidente che la scelta sia ricaduta su di lei non tanto per la somiglianza al fumetto ma per la necessità di avere una patonza nel film [una discreta patonza aggiungerei]…MA nonostante tutto il personaggio funziona, è forte e autoritaria [specialmente con suo fratello] ma anche dolce e sensibile. Insomma una mamma coi fiocchi, proprio come dovrebbe essere la Donna Invisibile;
  • Perfetto anche Chris Evans che nonostante il futuro musone di Cap America, interpreta un Johnny Storm divertente, solare, allupato e alle volte anche rompicazzo. La vera Torcia Umana insomma!
  • E infine c’è Ben Grimm! Molti si sono lamentati del fatto che fosse “piccolo”, poco minaccioso e che farlo di gomma piuma sia stata una vaccata. A parte che nel 2005 c’era una CGI ancora incerta [vedi il gommo-HULK di Ang Lee] il fatto che sia più uomo che mostro è ASSOLUTAMENTE un punto a suo favore! L'”adorabile cosa dagli occhi blu” non può essere rappresentato come una mastodontica bestia, deve instillare fiducia e deve trasparire la sua umanità [Ben è in costante lotta affinché la gente lo consideri ancora un essere umano nonostante il suo aspetto]. Michael Chiklis è un grande fan del fumetto [è sempre cosa buona e giusta quando un attore è fan del personaggio che interpreta] ed è riuscito a dare alla sua Cosa [e vi risparmio facili battute parte 2] un grande carisma e una grande umanità! Inoltre la granitica voce è frutto delle sue corde vocali e non di modifiche al computer. Tanto di cappello!
fantastic-four-4-2005-the-thing-ben-grimm-jessica-alba

“Marleneeeee”

Non solo ho trovato i quattro protagonisti perfetti nella parte ma anche le dinamiche che si creano sono perfettamente in linea con la controparte cartacea: la relazione tra Reed e Sue, la rivalità e i battibecchi tra Ben e Johnny, la profonda amicizia tra Reed e Ben e il senso di protezione che ha quest’ultimo verso l’uomo di gomma, il rapporto tra i fratelli Storm dove lei tratta il fratellino come fosse un bambino. Anche tra Reed e Johnny che sono forse i personaggi meno legati, c’è un momento importante che ne accentua i caratteri, ma una delle mie scene preferite [e voglio vedere se il film di Trank può vantarne una del genere] è quando Ben si apre alla Donna Invisibile facendogli capire che il problema non sono gli scherni della Torcia ma il modo in cui la gente lo guarda e chiude con una frase che azzarderei dire “profonda”:

– Sue: “È una situazione difficile per tutti
– Ben: “Per tutti? Susan guardami, tu non immagini neanche…che darei per essere invisibile…“.

Quindi con dei personaggi perfetti nel carattere e nelle dinamiche e una storia fedele a quella del fumetto ditemi un po…..cosa CAZZO è che non vi è piaciuto di questo film?!?!?!?!?

chris-evans-what

Ok dai lo ammetto, non è un film perfetto, vediamo un po le note dolenti….

Primo e più evidente problema: il villain! Il Dottor Destino è uno dei cattivi Marvel più famosi e amati dai fan eppure non se ne riesce a fare una versione decente per il grande schermo [non che altri villain fumettistici abbiano avuto fortuna]. Julian McMahon interpreta un ottimo uomo d’affari bastardo e manipolatorio….ma non è Victor Von Doom! Ma neanche per sbaglio! E tanto meno lo è quella specie di “maschera di ferro” che spara scintille dalle dita [o dal petto a un certo punto]! Obbiettivamente non è facile esplorare uno come Destino in un solo film [ci vorrebbe proprio un film a parte] ma cavolo sembra che non ci abbiano neanche provato!

fantastic-four-2

‘cause baby you’re a fireeeework

La seconda grande pecca è l’eccessiva comicità e il lato fin troppo infantile della pellicola. Per quanto mi riguarda non è che sia sto gran problema, non sta scritto da nessuna parte che i cinecomics debbano essere esclusivamente per un pubblico adulto…però è vero che ogni tanto si sono spinti un po oltre la sopportazione media. E poi sfiga vuole che il film sia uscito in un perdio in cui i cinecomics dovevano essere per forza “maturi” per essere presi sul serio dal grande pubblico [vedi X-MEN, SPIDER-MAN o BATMAN BEGINS]. Per fortuna giusto qualche anno dopo arrivarono i Marvel Studios per portare un po di goliardia nel mondo dei cinefumetti [non ci si può prendere sempre sul serio, eddai!].

f4-ears-1

f4-ears-2

f4-ears-3

Questa però mi fa sempre morire 😀

In conclusione: non è i miglior film mai realizzato a tema supereroi, ma non si può certo definirlo uno dei peggiori! C’è la giusta dose di innovazione e di materiale originale pur mantenendo la fedeltà al fumetto, i protagonisti sono perfetti nella parte e la storia va avanti senza MAI annoiare. Dispiace un po per il villain banale e l’eccessiva comicità in alcuni punti del film, ma in un periodo pre-DARK KNIGHT e soprattutto pre-Marvel Studios, I FANTASTICI QUATTRO di Tim Story risulta essere una delle trasposizioni più belle e piacevoli mai fatte.

E comunque ribadisco…c’era Jessica Alba, mica una con la faccia da topo!

f4-worst

f4-best

A buon intenditor…

Annunci

12 thoughts on “RECENSIONE: I FANTASTICI 4 (QUELLO CON JESSICA ALBA…QUELLO BELLO INSOMMA)

  1. Avevo deciso di boicottare il nuovo F4 secoli fa, quando scoprii che qualche geniale produttore aveva pensato di sostituire Jessica Alba con Kate Mara. E’ un po’ come quando il Milan pensò di sostituire Ibrahimovic con Pazzini.
    Puah.
    Che la mente dietro a questo scempio abbia poi partorito un film di merda, mi pare cosa abbastanza ovvia.

    Sull’altro F4 (quello con la Alba) hai già detto tutto tu, inutile aggiungere.

    Liked by 1 persona

    • Purtroppo ancora oggi ad Hollywood c’è qualcuno che dimentica la sacra regola del pelo e del carro di buoi! 😀 Ricordo che anche tu a suo tempo dicesti che quella cara figliola della Alba può salvare un film disastroso! Kate Mara purtroppo non può vantare le stesse competenze, per forza poi floppano i film XD

      Mi piace

  2. Hai veramente un coraggio da leoni!
    Cercare di parlare bene di uno dei film più disprezzati dell’intero universo, significa davvero rifiutare le convenzioni ed i condizionamenti culturali!
    Se questo post non fosse scritto da te, che so essere un appassionato di fumetti, nel senso di lettore e attento recensore, avrei fatto le pulci a tutte le tue parole, ma provenendo da te questa arringa difensiva, mi sono messo comodo ed ho lasciato che la “forza” scorresse da te a me liberamente ed ho fatto delle straordinarie scoperte e delle rivalutazioni.

    Senza dilungarmi eccessivamente, diciamo che concordo con lo spirito del post che hai redatto e più specificatamente con la concordia tra lo spirito giocoso e strabiliante (quello stupore e quel senso di meraviglia che un bambino poteva avere di fronte all’attrazione di cartapesta di un Luna Park negli anni ’60 e ’70) dei fumetti di Kirby e Lee (basti pensare a tutte le gag che nei comic vedevano coinvolto il postino del Baxter Building), quel senso da soap opera della gestione di John Byrn e la solarità emozionante e spensierata del film di Tim Story.

    Ho trovato tutti gli attori scelti a suo tempo per i vari personaggi del quartetto assolutamente perfetti: Ioan “102 Dalmatians” Gruffudd nello scienziato affascinante ma non fighetto o troppo nerd Reed Richards, la meravigliosamente bellissima (si capisce che la trovo molto bella?) Jessica “Honey” Alba nella bella bionda ma non stupida e battagliera Sue Storm, il virile e complicato Michael “The Shield” Chiklisil nel problematico Ben Grimm (in ogni numero del comic sempre alla ricerca di un sistema per tornare normale e sempre nel rifiuto del suo essere The Thing, anche quando la figlia cieca del burattinaio gli fece capire che lo amava per la forza interiore e non per l’aspetto fisico) ed infine un giovanissimo Chris “Cellular” Evans nel ragazzotto amante dei motori e delle belle ragazze Johnny Storm.

    Quindi mi è piaciuto come film?
    A metà: se non ci fosse Victor Von Doom sarebbe un film gradevolissimo, forse uno dei cinecomic più fedeli e rispettosi del fumetto di origine, ma il modo con cui è stato trattato il personaggio di Doom, come è stato trasformato, introdotto, svilito, banalizzato, annullato è semplicemente da galera!

    Da amante dei “Fantastic Four” di Kirby e Lee, io ho maledetto per sempre sia Tim Story sia Mark Frost (ci pensate? L’uomo che ha scritto “Twin Peaks” con David Lynch!!) per aver davvero pisciato sopra il cadavere di un character, che hanno non solo infangato, ma persino annichilito per sempre… un delitto che nel mondo del cinema potrebbe essere, non dico perdonato (questo è impossibile), ma almeno compensato da un reboot che avesse restituito il sovrano di Latveria alla sua dignità, alla sua cupa esistenza di tiranno, alla complicatezza della sua adolescenza da giovane studente appassionato di scienza ed esoterismo, alla sua grandezza anche come villain.

    Quindi?
    Un film godibilissimo per metà e per metà da cancellare, secondo me.

    Liked by 1 persona

    • Lusinghiero e preparatissimo come sempre! Grande Kasa!
      Il film , per carità, è effettivamente una minchiata, magari non traspare bene dalle mie lusinghiere parole, ma come hai sottolineato tu qui non siamo per le convenzioni e quindi sticazzi se improvvisamente il mondo ha deciso che quel film è una cagata [perché è cosa recente, a suo tempo il film non fu tanto denigrato come lo è oggi]. Il film in se funziona, ha moltissimi riferimenti fumettistici anni 60/70 e forse per questo non ha avuto il successo sperato dato che si porta dietro una ingenuità e una semplicità a cui il pubblico oggi non è più abituato [almeno non prima dell’avvento di Iron Man e compagnia]. Alla fine il dispiacere più grande è vedere un personaggio come Destino sprecato in quel modo, ma gli altri protagonisti personalmente li ho trovati e li trovo tutt’ora perfetti. Quindi dai, 4 personaggi azzeccati su 5 non è male 😀
      E comunque se l’alternativa deve essere il film di Trank io mi tengo Story [e la Alba] tutta la vita 🙂

      Liked by 1 persona

  3. Ho visto il nuovo Fantastic 4 giusto ieri sera e il mio cervello è ancora abbastanza stravolto. E non riesco a commentare il film di Tim Story senza citare anche quello di Josh Trank. Ma non voglio parlarne con te che non hai ancora visto il film perché non voglio influenzarne ulteriormente la tua visione… come se fosse possibile vederlo senza condizionamenti dopo tutto quello che ha passato. Perdonami l’ingenuità.
    Quindi ti scrivo solamente affermazioni semplici e dirette e perdonami se non vado troppo nello specifico, ma ne riparleremo meglio quando scriverai il pezzo sul nuovo F4. E so che lo farai!

    Il film mi è sempre stato simpatico, a ripensarci oggi non è affatto male e fa il suo dovere (a parte Doom, ma vabbè… era pure il 2005).
    Il cast era perfetto, assolutamente d’accordo con te.
    La metafora finale è pazzeschissima.
    Gran bella recensione, divertentissima come sempre, sei uno dei pochi esperti di fumetti di cui mi piace leggere le recensioni sui cinecomics e fidati che per me questo vuol dire tanto.
    Fine.

    Liked by 2 people

    • Grazie 1000 Zack 🙂
      Ovviamente prima o poi il nuovo film di Trank lo vedrò [sicuramente non al cinema], più per curiosità a questo punto, ma come hai detto tu ormai è impossibile arrivare non influenzati davanti a un film del genere…ma oh, magari mi stupisce proprio perché mi aspetto il peggio [dubito ma chissà]
      Ne riparliamo in futuro 🙂

      Liked by 1 persona

  4. Siiii lo ricordo, la torcia umana mi faceva sbellicare…. Adorabile cavolata nostalgica….che mi hai fatto venire voglia di riesumarlo… Al nuovo non ci penso nemmeno… Troppe (tutte) rece negative ovunque…. Saltero’ con orgoglio e soddisfazione e per colmare lacune e carenze affettive magari davvero mi riguardo questo 🙂

    Liked by 1 persona

  5. Perfettamente d’accordo, anche io trovo questo film ingiustamente maltrattato, troppo maltrattato, è carino e senza troppe pretese. A volte gli spettatori o i fumettomani dovrebbero prendersi meno sul serio e pensare a divertirsi di più.

    Liked by 1 persona

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...