LET’S FLY WITH FILM – METTI LE GHOSTBUSTERS, TARZAN E UN GATTINO DI NOME KEANU…

Hola!

Arieccomi tra voi carissimi lettori e lettrici del pizzablog, dopo le mie sfrenate vacanze anticipate [o in ritardo, contando che quest’estate non ne ho fatte] più carico di prima e intenzionato a dedicare molto più tempo al mio povero e trascurato angolo di web!

Siccome però siam sotto Natale, non ho neanche mezzo argomento pronto su cui scrivere e non ho visto film interessanti tra le nuove uscite in sala [in realtà si, ho visto il divertentissimo La Festa Prima delle Feste ma se ne riparla più avanti 🙂 ] ho pensato di scrivere qualcosina sull’ultima infornata di film che mi è capitata sotto mano, ovvero quelli che mi hanno accompagnato durante il luuuuuuungo viaggio verso il Perù [mò non so dire quante ore siano state effettive…ma sono tante!]

Film scelti accuratamente in mezzo al ricco catalogo offerto, film anche abbastanza nuovi come INDEPENDENCE DAY: RESURGENCE [che non ho visto perché i film di Emmerich meritano come minimo 4K su un 55 pollici], l’ultimo JASON BOURNE [che non ho visto perché tanto mi prenderò il BD più in là] e CAPTAIN FANTASTIC, il film con Viggo Mortensen che puzza di capolavoro da un miglio di distanza e che è uscito solo ora nelle sale italiane [e che ovviamente non ho visto perché era disponibile solo in spagnolo e in portoghese e un film del genere bisogna goderselo in lingua originale o almeno col doppiaggio fatto come si deve…tipo quello italiano].

Ma inutile piangere sui film non visti, parliamo piuttosto dei fortunati prescelti che mi sono goduto durante il mio luuungo viaggio aereo.

GHOSTBUSTERS

ghostbusters-2016

Partiamo col botto?

Il film più atteso odiato di quest’annata, la pellicola che doveva segnare la morte del cinema, l’opera errante che avrebbe rovinato per sempre il marchio degli acchiappafantasmi e che avrebbe cancellato dalle nostre menti i bellissimi ricordi del film di Reitman, l’insulto a tutti i fan di Ghostbusters, il lungometraggio diretto da una bestia di Satana e interpretato da “quattro attricette che non fanno ridere”, prodotto dallo studio cinematografico più inutile di questo mondo, insomma, quello che doveva essere il film più aberrante della storia dell’umanità alla fin della fiera si è rivelato…..innocuo. Del tutto innocuo.

Non è il film dell’anno, son d’accordo, non è un film divertentissimo e non è in assoluto il miglior lavoro di Paul Feig, però dai, non mi è sembrato così terribile.
Ha parecchi piccoli difettucci e ha la colpa di non essere molto originale, ma è quello che ci si aspetta da un qualsiasi remake o reboot [ma pure da un sequel]. A parte qualche nuova arma e qualche fantasma particolare c’è poco di cui sorprendersi, sarebbe stato bello se avessero allargato l'”universo” degli acchiappafantasmi in modo da farlo diventare un vero e proprio franchise aspira$oldi come i franchise moderni, invece è rimasto nel suo. Vabbé.

Ci sarebbero un infinità di cose da dire, ma ho aspettato così tanto per vedere il film nella speranza che si posasse il polverone mosso dai soliti instancabili haters, che oramai non ha quasi più senso dire qualcosa di positivo o di negativo su queste povere acchiappafantasmi.
Non è la commedia dell’anno, non è il lavoro migliore di Feig [si percepisce benissimo che la pressione lo ha demolito] ne tanto meno delle quattro protagoniste [che adoro] ma non è in assoluto il film terribile che hanno descritto i vari detrattori sul webbb ancora prima della sua uscita [il che dice tutto].

THE LEGEND OF TARZAN

the-legend-of-tarzan

Ecco, qui si che siamo in campo filmdimmerda.
Ma porca di quella Cheeta, come cazzo hai fatto a fare in film così noioso? Si, ce l’ho con te David Yates, tu regista miracolato che continui a lavorare solo grazie a quel maghetto là, tu che hai sicuramente qualche amico ai piani alti della Warner che continua a darti lavoro [perché ti deve un favore o forse addirittura la vita, se no non si spiega cotanta permissività], tu regista incompetente che con la macchina da presa neanche le cresime ti dovrebbero far fare!
Sotto le tue mani Tarzan è diventato un ebete depresso incapace di formulare un pensiero proprio roba che anche le scimmie si vergognano di dirsi sue amiche [più che cresciuto dai primati sembra sia stato cresciuto dai pirla], Jane è diventata la classica sposina rompiballe che dopo un anno di matrimonio si lamenta che non fa mai niente di nuovo e che Tarzan non la porta mai fuori a fare cose e a conoscere gente, Chrisoph Waltz si improvvisa Ninja Assassin con il suo rosario fatto di caucciù e adamantio e Sam Jackson che tra un enfisema e un altro si trasforma improvvisamente in Roger Mortaugh, decisamente troppo vecchio per queste stronzate. L’unico che si salva forse è Djimon Hounsou, non che sia sta cima di personaggio [ è scemo tanto quanto gli altri] ma perlomeno ha qualche guizzo di cazzutaggine.

tarzan-djimon-hounsou

“Poni fine alle mie sofferenze, fammi uscire da sto cavolo di film!”

Nulla da dire sulla trama poiché inesistente, inutile quanto la regia del suddetto Yates e imbarazzante quanto gli effetti speciali nella giungla [ho visto documentari con ricostruzioni in CGI decisamente migliori]. Non che mi aspettassi chissà cosa da questo film, ma diamine, sembra che non ci abbiano neanche provato.

Oh, poi può anche piacere eh, non sto dicendo che il film sia 110 minuti di inutilità, dico solo che avete presente quel video dove una scimmia si gratta il deretano e poi si annusa le dita svenendo per la puzza? Ecco, credo che guardarsi 110 volte quel video sarebbe tempo speso meglio che guardarsi questo nuovo Tarzan.

monkey-smell

Anzi, ve lo incollo qua così risparmiate tempo. Non ringraziatemi.

LIFE OF PI

life-of-pi

Ci credereste che non avevo mai visto questo capolavorone di Ang Lee? Ebbene si, è così e mi pento profondamente di aver vissuto questi quattro anni della mia vita privato di questa perla.

Non c’è una cosa, una singola fottuta cosa che non mi sia piaciuta della pellicola. La storia, i personaggi, le interpretazioni, le ambientazioni, la dannata regia!
Un film che è vita, una storia che, proprio come Piscine cerca di unire nella sua esistenza tre diverse religioni, unisce credo e sentimenti e concetti filosofici in modo sorprendentemente armonioso, personaggi talmente profondi che a fatica si può dire siano di finzione, una fiaba moderna impossibile da recensire in così poche righe.
Vita di Pi è un capolavoro di film, una pellicola che se siete così scemi da esservela persa come il sottoscritto, dovreste assolutamente recuperare!

PS: ho amato moltissimo ARGO, il film di Benny Affleck, dall’inizio alla fine e in un contesto come quello degli Academy Awards ci sta che si sia portato a casa la statuetta come Miglior Film…ma come cazzo è possibile che si sia accaparrato anche quella come Miglior Sceneggiatura Non Originale quando è EVIDENTE che VITA DI PI stia dieci cento mille spanne sopra? Che cazzo…

THE MAN FROM U.N.C.L.E.

the-man-from-uncle

Ci sono registi con cui si va a colpo si curo. Vuoi per successi passati, per riconoscimenti o semplicemente per gusti personali. Quando vai a vedere un film di un determinato regista sai già che uscirai soddisfatto dalla sala. Per quanto mi riguarda Guy Ritchie è uno di quei registi, uno dei miei feticci che non riesco a non amare anche quando inevitabilmente inciampa [come in questo caso].

Ero intenzionato a vedere questo film al cinema ma devo ammettere che per una volta le critiche negative hanno avuto il sopravvento [ma già il film in se non è che mi attirasse molto e il trailer non mi aveva convinto per niente…le recensioni sono state solo la fatidica goccia del fatidico vaso] così me lo sono perso.
Ora l’ho recuperato e devo dire che non è poi così malaccio.

Il film soffre di alcune parti moooooooooolto [troooooooooppo] lente e di altre super insensate [come la lite tra Armie Hammer e Alica Vikander e conseguente innamoramento…roba talmente forzata da diventare quasi stupro], ma il resto è puro trastullo marcato Guy Ritchie.

Fantastiche le liti e l’eterna competizione tra i due super agenti segreti [dalle armi allo stile…disarmante la discussione su come dovrebbe vestirsi la bella Vikander XD] e dinamicamente esilaranti le scene d’azione [che raggiungono il loro apice con l’inseguimento in motoscafo di Harmie Hammer raccontato dallo specchietto retrovisore di un furgone mentre Henry Cavill si gode un panino e un vinello sulle note di “Che vuole questa musica stasera” di Peppino Gagliardi].

Alla fine è un film un po’ così, fatto per farsi due risate. Da una parte abbiamo un divertente spy movie, più elegante di GET SMART e meno libertino di KINGSMAN, dall’altra abbiamo la versione comica e powerless di BATMAN V SUPERMAN.
C’è da dire però che il Guy Ritchie più piatto del mondo è comunque più interessante di altri registi che nella commedia ci sguazzano [tipo il Feig di poc’anzi].
Quando uno nasce genio…

TRAFFICANTI
[WAR DOGS]

war-dogs-poster

Todd Phillips è una bomba pronta ad esplodere. Il mondo che quelli di Hollywood gli hanno ritagliato è troppo piccolo per la sua vulcanica anima, il Todd ha voglia di spaccare ma non con i party movie.

Lo si era capito benissimo già dal secondo HANGOVER che tenere le redini di una trilogia comica non faceva per lui. Ha prodotto PROJECT X nella speranza che finisse male [Project X è un party movie che DOVEVA finire male, non meritava l’happy ending] e ha diretto UNA NOTTE DA LEONI 3 pensando a tutt’altro che alla commedia [il film è un thriller mancato].
Con WAR DOGS ha dimostrato definitivamente qual è il suo campo di battaglia. Non sono le feste, è l’autodistruzione.
Al Todd non interessano i personaggi quando sono al loro apice, lui inizia a divertirsi quando il loro mondo inizia a crollare e devono fare i conti con l’imminente insuccesso. È lì che il Todd sfodera il suo più colorato e tragicomico sorriso.

TRAFFICANTI è un po’ The Wolf of Wall Street, un po’ The Social Network, un po’ tanto Pain & Gain e anche un po’ Scarface, il film tanto amato dai due protagonisti [interpretati da due perfetti Jonah Hill e Miles Teller].
C’è la follia, c’è il marcio, c’è la peggiore America mai conosciuta, c’è il gioco disonesto, c’è la musica, c’è la bella vita, c’è lo sporco, c’è il successo e l’inevitabile fragorosa caduta. Un’assurda storia [vera] così surreale da far quasi paura. E Todd Phillips, con la sua grottesca ironia, gode come un riccio a raccontarcela.
Filmone ragazzi, filmone.

KEANU

keanu-film-2016

Come questo film sia entrato nel mio radar è un mistero.
Due attori comici [che non conosco] diventati famosi grazie a una serie tv [che non ho visto] scrivono e interpretano questa sorta di parodia dei classici film d’azione.

Al centro della storia c’è il rapimento di questo gattino carino carino di nome Keanu [chiamato così proprio in onore di Reeves] e il tentativo dei suoi padroni babbioni di riprenderselo affrontando gangster e bande criminali [cosa non facile essendo loro appunto due bonaccioni].

Film carino, non esilarante ma qualche trovata geniale ogni tanto la tira fuori [tipo tutto il discorso sul perché George Michael sia il “gangster originale”] e i due protagonisti sono lanciatissimi!
Consigliato a chi vuole farsi qualche risata alle spalle degli action movies, a chi vuole vedere un gattino carino fare cose da gattino carino e agli eventuali fan del duo Key & Peele.

GILMORE GIRLS – A YEAR IN THE LIFE

gilmore-girls-a-year-in-the-life

Nel caso ve lo steste chiedendo: no, non l’ho visto sull’aereo.
Questo revival era però attesissimo da sottoscritto, è uscito proprio mentre ero in vacanza [dove ero armato di una connessione internet talmente veloce che per fare una ricerca facevo prima ad andare in biblioteca] e me la sono divorata non appena ho messo i piedi a terra. Letteralmente fatta fuori in una sera [il cambio di fuso orario ha aiutato!]

In rete il revival è stato demolito, criticato per quegli stessi elementi che hanno fatto la fortuna della serie originale [il che è assurdo] ma per me è stato un bel ritorno a casa.
Divertente, passionale, strappalacrime e citazionista come sempre.

Qualche difetto qua e là c’è, come per esempio il risicato spazio dedicato ad alcuni personaggi secondari [amati dai fan tanto quanto quelli primari] e la forzatura nell’apparizione di altri [personaggi come il padre di Logan, Jason”nanetto”Stiles o addirittura Dean, messo lì a caso tanto per coinvolgere l’attore nel revival] e qualche scena insensata di cui si poteva fare a meno [l’incubo di Lorelai o l’ormai famigerata scena del musical, roba raccapricciante senza capo ne coda].
Per il resto i quattro episodi proseguono serenamente regalando ai fan un epilogo più sensato del precedente.

Ecco, forse la cosa che meno mi ha convinto di tutti o anzi, che si poteva gestire un tantino meglio è Rory.
Rory è una zoccolla.
Ci sono sicuramente modi più eleganti ed intelligenti per esprimere il concetto, ma questa per me è la realtà dei fatti XD

PS: che ci crediate o no, le famose ultime quattro parole le ho azzeccate in pieno, anche se nella mia testa il modo in cui ci si arrivava era decisamente diverso.

gilmore-girls-paris

That’s all folks! È un piacere essere tornato!

Fatemi sapere cosa ne pensate di questi film e cosa avete visto recentemente di bello [ma anche di brutto, va là, che qui non si butta via niente 🙂 ].

Alla prossima!

Annunci

30 thoughts on “LET’S FLY WITH FILM – METTI LE GHOSTBUSTERS, TARZAN E UN GATTINO DI NOME KEANU…

  1. Mitico PizzaDog, non hai idea di quanto mi faccia piacere leggerti di nuovo, ma veniamo al tuo post…

    GHOSTBUSTERS REBOOT

    Un tempo, nei gialli, sia letterari ma soprattutto filmici, ci fu la ricerca spasmodica a trovare un colpevole che non fosse subito identificato dal lettore, ma che allo stesso tempo doveva rappresentare una soluzione ugualmente sensata, ovvero bisognava che gli autori, nello scrivere e raccontare la storia dessero al lettore/spettatore la possibilità di scoprire da solo l’enigma, fornendogli tutti gli elementi (o quasi…) che lo stesso detective protagonista della storia avrebbe avuto.

    Con qualche trucchetto…

    Ehm, Kasa, non è che hai sbagliato post… insomma, sai com’è.. l’età…
    L’età? Ma di cosa parli… ho appena compiuto 18 anni… okay, è vero che sto usando il calendario di Alpha Centauri, che calcola i giorni con un numero di ore diverse da quello terrestre, ma insomma… no, comunque non ho sbagliato post… tranquillo…

    Scusate l’interruzione… dicevo che con qualche trucchetto questo processo andò avanti per anni, finché la casistica dei possibili colpevoli finì del tutto, sotto i colpi implacabili della solita Agatha Christie, la quale, nei suoi millemila romanzi, esaminò ed esaurì tutte le possibilità: il colpevole è il più sospettato, poi, il meno sospettato, poi lo stesso detective, infine sono colpevoli tutti i personaggi che partecipavano all’azione o addirittura nessuno di loro perché il morto si era ucciso da solo!.

    Bam! Fine dei giochi? No, perché allora cominciarono gli artifizi post-moderni, gli script con i prestigi in stile Joe Eszterhas (uno degli sceneggiatori più pagati della storia, ingiustamente fra l’altro…) il quale con Basic Istinct (film del 1992, famoso più lo scavallamento delle gambe della Stone che per la sua storia…) creò il plot del Grande Inganno: l’assassino è il più sospettato, che viene poi per tutto il film perseguitato dalla polizia, finché alla fine il detective “alternativo” riesce a dimostrare, contro ogni prova apparente, che il colpevole incredibilmente non è lui, ma poi, negli ultimi secondi o minuti di film, tutto si ribalta e viene fuori che il colpevole era proprio il sospettato iniziale… non si ha davvero idea di quanti film, da quel giorno, siano usciti negli States con il medesimo plot!!

    Quindi? Che c’entra PizzaDog con tutto questo?
    Arrivo, arrivo…

    C’è di mezzo, in questo discorso, la famosa Teoria dei Giochi, polpettone matematico ultra-citato dai cattivi esistenzialisti dei moderni noir (almeno quanto l’Arte della Guerra di Sun Tzu), con tutto il circo del sembra-ma-non-è su cui si basa anche la narrativa di spionaggio: gioco, doppio-gioco, triplo-gioco e così via con sceneggiature che si accartocciano sul medesimo meccanismo: buono che fa il cattivo ma poi sarà cattivo davvero o è buono?

    Di nuovo, Kasabake, che minchia c’entra PizzaDog?
    Oh, un attimo… è stato via fino ad ora, nel paese con la maggiore varietà alimentare del Mondo (lo sapevate? Carcco e compagnucci sbavano per la cucina peruviana, non scherzo!) … lasciatemi un po’ di tempo…

    Dicevo della Teoria de Giochi, perché anche il web dei social 2.0 (ah, ah, ah, è tutto “2.0” oramai, senza Olio di Palma e con la Bacche di Goji, il Bulgur e la Quinoa… ma lasciamo stare…) si muove così, a strati tettonici, per cui, non appena la maggioranza degli utenti dice una cosa (come ad esempio attaccare Ghostbusters), per essere cool bisogna dire il contrario (salvare Ghostbusters), ma al momento giusto, non per primissimi, ma appena un attimo dopo qualcun’altro e così via…

    Così io sono la persona più coolest (praticamente un ghiacciolo!) del mondo se dico che Ghostbuster reboot fa cagare, perché dopo che tutti lo attaccavano e dopo che lo si stava lentamente ricominciando a salvare, arrivo io che lo attacco di nuovo… il problema è come far capire che io sono tra gli attaccanti della Seconda Ondata (quelli più cool del cool) e non della Prima (bimbiminkia, no cool)…

    Ovviamente ho scherzato (un cool-coglione…), ma resta comunque il fatto che già Feig non è che sia Guy Ritchie (anche se io mi diverto sempre con i suoi film, ma ne riconosco i limti, eh!), se poi si ammette (come fai tu) che questo Ghostbusters forse è uno dei suoi film meno riusciti, allora si apre l’abisso ed il bidone della spazzatura reclama il suo tributo, seriamente…

    Scene così quella baracconata del reboot se le sogna…

    Per non parlare di quest’altra…

    Penso di aver reso l’idea… ora abbandono il discorso…

    LIFE OF PI

    Hai detto tutto, immenso, straordinario, coloratissimo poetico, con una storia meravigliosa ed una regia favolosa…

    THE LEGEND OF TARZAN

    Dopo aver letto la recensione di Zack, l’ho evitato come la peste ed ho continue conferme…

    THE MAN FROM U.N.C.L.E.

    Sottoscrivo quando dici che Ritchie sia una certezza: questo è forse il suo meno riuscito ma resta un genio… un maestro assoluto

    KEANU

    Non pervenuto

    TRAFFICANTI – [WAR DOGS]

    Non pensavo meritasse, lo metto in watchlist…

    GILMORE GIRLS – A YEAR IN THE LIFE

    Capisco la tua passione, non la condivido, ma la capisco, sul serio… a me piaceva inzuppare la pizza nella cioccolata a colazione, quindi sulle passioni nascoste hai il mio appoggio!!!

    Detto questo, se sei indietro di fiction, ti consiglio caldamente The Expanse, la sci-fi stranamente intelligente e non young adult prodotta da SyFy e da noi distribuita da Netflix…

    Per finire, mi permetto di linkarti un filmato che ho trovato tra i like della bacheca di Ezekiel su Vimeo…

    Io l’ho trovato meraviglioso, specie nella seconda parte, ma mi ha anche inquietato il fatto che il nostro stratega del male abbia scelto questo filmato… il Perù… PizzaDog… che ti abbia seguito? Cosa sta davvero accadendo? Un’anima forse verrà salvata e forse ci dirà qualcosa…

    Ancora ben tornato, mitico PD!!!!

    Liked by 1 persona

    • Il vero problema di questo Ghostbusters [come quello di tutti gli altri remake/reboot che si distanziano troppo dall’originale] è il titolo che si porta dietro. Si fosse chiamato in altro modo sarebbe passato inosservato come l’opera anonima che è [perché è decisamente senza spirito].
      Quello che vediamo non è Feig, non lo è in nessun momento, non è dissacrante come The Heat, tra le protagoniste non c’è l’affinità che c’era ne Le Amiche della Sposa [le frecciatine che si lanciano la McCarthy e la Wiig in GB non sono NULLA in confronto a quelle tra la Byrne e la stessa Wiig in Bridesmaids], Chris Hemsworth è esilarante nella parodia di se stesso ma non vale un alluce in confronto al Jason Statham di Spy.
      Ripeto, questo non è Paul Feig, è solo un povero mestierante che si è ritrovato a dover gestire un titolo più grande di lui, ma non potendo fare un film “suo” [dubito che la Sony gli abbia concesso carta bianca] e non potendo fare un semplice copia incolla dell’originale ha cercato di accontentare tutti [fan, neofiti, Sony e magari anche haters] finendo per creare qualcosa di insulso e facilmente evitabile, un film da domenica pomeriggio per il ciclo “grasse risate” di Canale 5.

      Detto questo però non credo si possa definire il film più brutto di tutti i tempi, ma neanche il più brutto del 2016.
      Io odio i film anonimi, preferisco di gran lunga un film brutto ad un film che mi scivola via dalla memoria 5 minuti dopo la fine dei titoli di coda. Ma questo sono io. Obiettivamente un film innocuo e “ne carne ne pesce” come GB non si può definire “brutto”. I film brutti sono altri [tipo il nuovoTarzan, tanto per restare in argomento XD].

      È anche vero che le ondate di odio e di recensioni negative sono state per me come un’armatura protettiva. Mi sono armato di casco, scudo, cinture di sicurezza, airbag e assicurazione sulla vita, pronto ad affrontare il peggio inferno solo per poter dire “tutto qui, mi aspettavo peggio”. Forse con meno pubblicità negativa lo avrei visto con occhi diversi…chissà!

      TRAFFICANTI
      Per me funziona come film “cazzone” passa tempo, ma se sei fan del Todd e dei suoi autolesionismi lo adorerai come ho fatto io 🙂

      GILMORE GIRLS
      Ma guarda, al contrario di altre passioni “nascoste” [come Grey’s Anatomy, periodo molto buio della mia vita passata XD] quella per Una Mamma Per Amica non la tengo neanche tanto nascosta.
      Ammetto di averla iniziata quando ero giovane, scemo e le serie tv non mi interessavano minimamente [di sicuro non quelle di qualità, quello che passavano alla tv mi andava più che bene] ma vedendola con occhi adulti devo ammettere che la serie ha i suoi grandi pregi!
      Certo non siamo dalle parti di uno Scrubs [uno dei capolavori più sottovalutati e maltrattati della tv] e non consiglierei nessuno, tanto meno te, di recuperarla, perché ha fatto il suo tempo e funzionava bene per la sua generazione, però devo essere sincero con me stesso, nonostante il tempo la serie continuo a conservarla con gioia nella mia memoria 🙂

      THE EXPANSE
      Contavo di bypassarla perché mi sembrava una scemata ma praticamente tutti i miei recensori di fiducia hanno scritto la stessa cosa: non è una scemata ma anzi è stranamente intelligente. Quindi mi toccherà per forza recuperarla!

      PERUVIAN MOTION
      Oddio magnifico video. Davvero!
      Non voglio iniziare una filippica sui nuovi linguaggi audio/video, ma una delle cose che più amo delle nuove tecnologie [e in secondo piano del web che ne permette la diffusione] è che permettono alle persone di poter creare contenuti originali usando stili che un tempo sarebbero stati impossibili per l’utente amatoriale medio.
      Io amo questi tipi di video perché al contrario del solito filmino delle vacanze racconta un viaggio in modo rapido, elegante, accattivante e originale.
      Grazie 100 Kasa per avermelo recapitato 🙂
      Per quanto riguarda Ezekiel…che le sue macchinazioni siano arrivati fin in Sud America? Se così fosse ci sarebbe da preoccuparsi seriamente! Ma se ne riparla in futuro nei prossimi Gathering 😀

      Ne approfitto per ringraziarti per il caloroso bentornato [tuo e anche di altri amici blogger] non solo dal viaggio ma anche da un periodo bruttino che mi ha tenuto lontano dal blog per più tempo di quello che sperassi.
      Ma come direbbe il caro Tonino Stark: “It’s good to be back!”

      Liked by 1 persona

    • THE EXPANSE
      fammi capire, merita sul serio?
      l’ho scaricata “tanto per” e l’ho parcheggiata nel pc da diverse settimane (tra l’altro ne ho trovato una versione superultrahd che mi fa venire l’acquolina in bocca) però non le avevo dato troppo credito.
      Ma se tu, maestro mentore e gran consigliere, ne tessi le lodi, la mia curiosità schizza come un termometro nel deserto a mezzodì…
      E dato che sono in dirittura d’arrivo con Legends of tomorrow e Person of interest, e dato che la serie Lethal Weapon sto scaricandola ma ancora non sono così sicuro di volermi fucilare gli occhi guardandola, potrei optare per questa Expanse durante i miei (quasi) quotidiani allenamenti!!!!

      Liked by 1 persona

      • The Expanse…

        Prima una sintesi a scanso di equivoci: la serie va vista, perché è di Serie A, con un bel budget, speso bene (ovvero più per gli effetti speciali e le scenografie e meno per gli attori, che sono giovani e non famosi, quindi s’impegnano e costano poco), bella sotto tanti punti di vista, ma poi de gustibus… se non piace il genere a mio moglie ha fatto cagare!).

        Ora il dettaglio: come prima cosa, nel gioco delle aspettative, la serie volava basso perché prodotta da SyFy, cable channel stauntitense specializzato in prodottini young-adult in genere copiaincollati (anche quando partivano con originalità alla fine il plot si riconduceva alla stessa pippa… vedi The 100) e quindi già il fatto che sia superiore alla media del canale crea nello spettatore la meraviglia; la messa in scena, poi, coinvolge subito l’intelligenza (non punta alle pelvi) dello spettatore, andando a fare man bassa nel magazzino della sci-fi adulta, in cui le navi da carico delle federazioni commerciali sono più scadenti, in cui la meccanica risente della mancata manutenzione ed infine nelle quali le cose si muovono non solo grazie all’elettronica ma anche ad una buona dose di manualità (come ha sempre fatto, da Alien fino a The Martian, il nume tutelare delle ambientazioni interne alle navi spaziali Ridley Scott); non essendo un prodotto HBO o Netflix puro, lo spettatore sa che troverà dei cliché (è una necessità degli sceneggiatori, imposta dai produttori, che devono usare pattern sintattici noti al grande pubblico, visto il tipo di programmazione familiare, altrimenti perdono subito l’audience sperata), ma l’altra bella sorpresa è che i personaggi, anche se immediatamente riconoscibili nelle loro peculiarità consolidate in anni di visione di prodotti simili, si muovo con un cinismo di fondo che va a pescare nelle produzioni fantascientifiche “alte”, come il primo “Total recall” (quello di Paul Verhoeven), almeno per quanto concerne tutto il concetto dickiano del conflitto sociale tra una Terra vista come un Elysium e le colonie (Marte e Cinture di Asteroidi…) e nelle fiction adulte come BattleStar Galactica.

        Qui mi fermo, perché se la vedrai (lo spero) troverai tu stesso una valanga di similitudini con tantissime altre cose, ma l’inevitabile senso generale di già visto viene blandito dall’accuratezza delle decisioni dei personaggi, quello che io chiamo la coerenza decisionale e caratteriale.

        Unico neo, per me, la caratterizzazione del detective Josephus Miller, fatta da Thomas Jane: ho odiato il suo stupido cappello, ridicolo, presuntuoso e fuori luogo, così come la recitazione, che avrebbe voluto ispirarsi (ah, ah, ah) ai modelli del grande Schwarzenegger (appunto nel film prima citato) o persino dell’iconico Rick Deckard di Harrison Ford, mentre finisce per essere solo odioso e banale.

        Difetti, dunque, ce ne sono, come sempre (tanti compromessi produttivi, in una serie Tv destinata al grande pubblico impediscono sempre il capolavoro), ma è una serie che va vista, nel modo più assoluto, perché non ha la debolezza di una “Extant” (che pure aveva una star di prima grandezza come Halle Berry, ma in cui la storia si è incartata da sola su se stessa), né la profonda inutilità di “The Whispers” (mega-produzione spielberghiana, partita in modo magistrale, grazie al’ispirazione fornitagli dal racconto di Bardbury e poi risoltasi nel nulla con una finale orripilante e perculante fino allo spasimo).

        Bye.

        Liked by 1 persona

      • Bè, non posso che ringraziarti per le dotte illustrazioni con cui hai tratteggiato la serie.
        L’avevo scaricata con poca convinzione e l’avevo accantonata nel pc da qualche mese, senza mai trovare desiderio di vederla.
        A questo punto, visti anche alcuni”slot” che si svuotano, The Expanse balzerà subito in cima alla watchlist 🙂

        grazie collega!!!!

        Liked by 1 persona

  2. Wow, per vedere ben 6 film sull’aereo il viaggio deve essere stato davvero lunghissimo! Di questi che hai elencato ne ho visto solo uno, ma primi di scriverti i miei pareri vorrei dire una cosa. Che David Yates non fosse tutto questo signor regista l’ho capito quando ho lasciato la visione della saga di HP dopo aver visto il quinto. Però questo Tarzan dal trailer sembrava guardabile, ma dopo aver letto i tuoi pareri e la critica di una fantastica “amica” mia su FB (del tipo “Yates non ne sbaglia una!”, ed era seria), credo che aspetterò senza troppa ansia che lo trasmettano in tv e se non lo manderanno o me lo perderò, me ne farò una ragione! 😛

    Come ho scritto prima, l’unico che ho visto è “Operazione U.N.C.L.E.”. Devo dire che sono andata a vederlo al cinema non con molte aspettattive, ma consolata dal fatto che era un film di Guy Ritchie e Armie Hammer era nel cast (adoro quest’attore, che ci posso fare). E alla fine mi è pure piaciuto tanto che ho preso pure il blu-ray. Mi ha fatto divertire molto, mi è piaciuta la sua struttura e la chimica tra Hammer e Cavill: questi due fanno scintille insieme! L’unica pecca secondo me è la Vikander: ancora non riesco a capire se questa attrice mi piaccia o meno; in certi ruoli è bravissima (vedi The Danish Girl), in altri è troppo piatta e qui mi è sembrata un po’ troppo fuori luogo. Non so, nella parte avrei visto meglio una col viso un po’ più sveglio e che non abbia troppo la “bitch resting face”!

    Liked by 1 persona

    • Sono quasi 11 ore da Milano a Sao Paolo e poi altre 5 da Sao Paolo a Lima. Quindi in tutto tra andata e ritorno avrò passato quasi 32 ore in volo XD
      Di fatto questi sono solo i film “nuovi” che ho visto, oltre questi mi sono rivisto Inside Out in lingua originale [perché mi andava di rivederlo e con la scusa ho affinato il mio inglese], metà di The Lego Movie, mi son visto le botte finali di Batman V Superman, le scene più belle di X-Men Apocalypse [Quicksilver, Wolverine e le botte finali contro Apocalisse] e le scene col Joker di Suicide Squad, anche queste in lingua originale per vedere se in qualche modo il lavoro di Jared Leto migliorava [ovviamente no]. Per il resto del viaggio ho dormito e mangiato 😀

      Ma tornando a noi: anche io trovo la Vikander un po’ altalenante. Passa da interpretazioni assolutamente perfetto come quella in Ex Machina a lavori più svogliati come appunto Operazione UNCLE. Probabilmente è un’attrice che ha bisogno di stimoli, quando si ritrova un personaggio come quello del film [un po’ piatto in effetti] si concede solo il minimo sindacale.

      Liked by 1 persona

  3. Non mi stupisce che Miles Teller e Jonah Hill siano finiti a fare un film insieme: il primo è uno degli attori emergenti di Hollywood, il secondo è ormai da anni l’attore “spalla” per eccellenza.
    Sul talento di Jonah Hill non ho alcun dubbio; ne avevo molti di più su Miles Teller, perché quando l’ho visto in Rabbit Hole non mi è sembrato avere né il talento né l’appeal necessari per diventare una star. Ho la stessa opinione anche di un altro attore inspiegabilmente in ascesa, Adam Driver. Tuttavia, il fatto che tu abbia lodato la sua interpretazione in Trafficanti mi fa pensare che forse il mio giudizio su Teller è stato un po’ troppo affrettato.
    Concordo con il tuo giudizio positivo in merito ad Argo. E anche lì, come in tutti i grandi film, c’erano degli attori “spalla” coi fiocchi: Alan Arkin e John Goodman. Entrambi sono tra i pochissimi attori in grado di salvare un film anche solo con pochi minuti della loro deliziosa presenza.
    Riguardo a Guy Ritchie, che dire, un grande. L’ho perso di vista da tempo (anzi, in pratica ho visto soltanto i suoi primi 2 film), ma entrambe le volte che ci siamo incrociati è stata una goduria dall’inizio alla fine. E come hai scritto tu nel post, anche il peggior Guy Ritchie sarà sempre in grado di tirar fuori un buon film.

    Liked by 2 people

    • Avevo anch’io una bassa considerazioni di Miles Teller, ma dopo aver visto WHIPLASH [il suo miglior film fin ora] mi son dovuto ricredere.
      Se non l’hai visto ti straconsiglio di recuperarlo, è un film magnifico, musicale, duro e massacrante allo stesso tempo. Teller offre un’interpretazione da vero Attore con la A maiuscola, secondo solo all’interpretazione del co-protagonsita J.K.Simmons [mai premio Oscar fu più meritato, gliene avrei dati 15 di statuette XD].
      Per quanto riguarda Trafficanti, lì Teller e Hills si completano a vicenda. Teller è il protagonista effettivo del film [la storia è raccontato dal suo punto di vista] e gli si dedica ovviamente più spazio, ma Hill ha una personalità tale da rubare fin da subito la scena quindi alla fine le due figure si compensano egregiamente.

      Mi piace

  4. Parto da fondo: gilmoregirls.
    Per me, perverso e pervertito, la questione è sempre stata una: spupazzeresti prima la madre o la figlia?
    Ho sempre vacillato, tentennato, dubitato. Non ho mai saputo risolvermi in una risposta definitiva. Meglio la gallina vecchia col buon brodo, o la pulcina ruspante? Non ho visto i 4 episodi del revival, tuttavia non sono rimasto sordo e cieco all’immane battage pubblicitario e forza di foto promozionali sono giunto ad un conclusione samonica:
    VORREI SPUPAZZARE SIA LA MADRE CHE LA FIGLIA
    ANCHE INSIEME

    alleluja

    Per il resto già sai il mio giudizio sulle acchiappafantasmi in gonnellina, mentre ti confesso che l’UNCLE di Guy mi è piaciuto mentre il tarzan con la JaneSuora mi ha fatto vomitare.

    Ma la domanda che tutti vogliono fare e la cui risposta tiene col fiato sospeso tutti i blogger il cui nick inizia con la “L” e finisce con la “ù” accentata: ma è vero che nell’emisfero australe l’acqua dello sciacquone gira al contario?

    Liked by 2 people

    • Ma sai che si! O.O
      Non è la prima volta che vado in Perù, ma prima non ci avevo mai fatto caso. Stavolta però si, mi sono reso conto che c’era qualcosa di storto! Ho dovuto guardare un video su internet per avere la conferma che lo sciacquone stava girando dal lato sbagliato [a furia di pensarci mi stavo auto convincendo che in vita mia l’avevo sempre visto girare da quel lato]. Una roba intrippante, non ero neanche più certo delle mie convinzioni XD

      Per quanto riguarda le ragazze Gilmore [sperando che nessuna donzella stia leggendo queste nostre conversazioni, ma nel caso fosse chiedo venia, ma certi discorsi da gentiluomini non possono essere messi a tacere]: quand’ero piccino non ho mai pensato alla giovine Alexis Bledel con una qualche inclinazione sessuale [anche perché la vestivano da sfigata e aveva la presenza scenica di un attaccapanni], fino a quando non la vidi nei panni di una donna di facili costumi nel film Sin City! Da lì, che Odino mi sia testimone, è entrata a pieno diritto tra le mie fantasie erotiche XD
      Crescendo però ho anche affinato e ampliato la mia visione sul genere femminile andando ad abbracciare anche quella categoria [resa famosa dalla illustre commedia “American Pie” e molto in voga oggigiorno, soprattutto in certi locali milanesi (a quanto ho sentito dire)] denominata “MILF”.
      Il suo quesito quindi carissimo collega Lapinsu, ovvero se sarei più lieto nel passare una bella notte di bagordi e passione insieme a [come da te nominate] alla gallina vecchia col buon brodo o alla pulcina ruspante [“ruspante”, ridacchio senza freni] probabilmente non trova risposta.
      O meglio, l’unica sentenza sensata e pienamente appagante sarebbe la tua, una scelta che nel gergo tecnico porta il nome di “Regola della maniglia”.
      Ma chiuderei qua il discorso amico Lap, che tra le donzelle Gilmore e la Ratanshsksgkshsosky di cui parlavamo poch’anzi in altri lidi, questa giornata rischia di farsi troppo bollente 😀

      Liked by 1 persona

  5. Bentornato PizzaDog!
    Che figata questi voli intercontinentali in cui ti puoi sparare tutti i film che vuoi uno dopo l’altro e senza che nessuno ti dica niente! Prima o poi li proverò anche io!
    Ma comunque, andando dritto al sodo, mi tolgo subito quel sassolino dalla scarpa che puntualmente si materializza sotto la pianta del piede ogni qual volta sento nominare il suo nome. David Yates è l’incarnazione del Male che affligge il cinema al giorno d’oggi. Forse è la più grande truffa cinematografica del 21esimo secolo (tra gli altri, insieme a lui, qualche gradino più sotto, c’è anche Eddie Redmayne). Con Tarzan ha fatto un disastro imperdonabile anche perché ha sprecato uno dei casting più azzeccati di sempre, ovvero quello di Margot Robbie nei panni di Jane. Tutti possono fare un film di merda. Tutti possono fare un film di merda su Tarzan. Chissenefrega. Ma se ti prendi un budget di 180 milioni di dollari più Margot Robbie al meglio del suo splendore e al massimo della notorietà e mandi tutto a puttane (floppando anche al botteghino), meriti solo la forca. Questo ovviamente solo se facessimo finta che non hai già distrutto uno dei franchise cinematografici più importanti di sempre come quello di Harry Potter. Perché in caso contrario la sentenza sarebbe ben peggiore.

    Ma tornando a noi e alle gioie del cinema! Il nuovo Ghostbusters anche a me è piaciuto. Se ha un difetto vero è quello di non essere eccezionale (al di là del confronto con l’originale che ovviamente è impietoso).
    Vita di Pi: capolavoro. Trafficanti: in watchlist. Keanu: assente dalla watchlist, sorry. The Man From Uncle; bombazza sottovalutatissima con l’unica debolezza di non fregare niente a nessuno. Gilmore Girls: LAGGGENTE NON CAPISCE PROPRIO UN CA QUESTO SHOW È BELLISSIMO MI FA TANTO COMMUOVERE NON CAPISCO PERCHÈ DICONO CHE È BRUTTO MA COME SI FA DICO IO NO.

    Perdonami.
    (In realtà sto ancora a metà seconda puntata, ma la prima l’ho adorata davvero)

    Liked by 1 persona

    • Già in occasione del tuo responso ad “Animali Fantastici” condividemmo la nostra antipatia verso quel insulso mestierante di nome David Yates e mi riscalda ogni volta il cuore sapere di non essere il solo ad avere prurito alle vene ogni volta che guardo un suo film XD
      Io l’ho sempre detto di essere di parte, perché non amo la saga della Rowling, ma porco Hagrid, non ci vuole un genio per capire che i film di Harry Pottà avrebbero incassato gillioni anche se dietro la macchina da presa ci avessero messo Andrea Bocelli! Non è certo Yates ad aver reso celebre la saga [anche perché è entrato in gioco quando ormai la saga era ben oliata].
      Posso capire richiamarlo per dirigere Fantastic Beast [dato che i fan sono ormai assuefatti e per loro quel nome è sinonimo di Harry Potter cinematografico] ma fargli fare altri film no! Per di più con in cast interessante come la Robbie [per certe attrici emergenti questi flop sono pericolosissimi, per fortuna però lei è nata Dea e quindi Hollywood non la lascerà andare facilmente], un attore che in pochi hanno si è costruito un’immagine importante [Waltz] e un icona versatile in grado di dare al film quel qualcosa in più [Sam Jackson].
      Ma Yates niente, a lui la mosciaggine piace e quindi daje di sbadigli. Contenti loro :/

      Sorry per Gilmore Girls, credo di averti spoilerato qualche cosina…
      Comunque sono innamorato anch’io di questo show, chissene di quello che dice laggente! 😀

      Liked by 1 persona

      • Ahahah! Neanche fosse Star Wars! Tranquillo, non mi hai spoilerato granché. E comunque stiamo parlando di Gilmore Girls… la trama è l’ultimo dei miei problemi. Il piacere sta nel racconto. 😉

        Liked by 1 persona

  6. Non so da dove partire, innanzitutto BENTORNATO! poooooi, parto dal fondo perché Gilmore Girls è il piu fresco di visione di tutti e pure io l’ho consumato! era inevitabile anche se ammetto che sto facendo un rewatch totale grazie a netflix e mi fa impressione rivedere tutti cosi giovani XD La parte del Musical non dico che non l’ho gradita, ci stava ma avrei tagliato qualcosa. Poi per il resto io sono #TeamJess quindi trai tu le conclusioni. C’è stato un riallineamento nel fandom in questi giorni talmente potente che mi è venuto da pensare al fatto che se per ipotesi all’epoca ci fossero stati tutti i social che ci sono ora ci sarebbe stata la guerra civile XD

    Vita di Pi è bellissimo! sono anch’io dell’opinione che sia una storia disarmante e la mise en scene sia spettacolare ma Argo all’epoca mi aveva spiazzate e divertita tantissimo, e pensare che non gli avrei dato un euro all’epoca. 😀

    Ghostbusters devo ancora vederlo

    Tarzan a me era piaciuto, l’ho trovato divertente dai non essere crudele XD E’ vero che avevo basse aspettative all’inizio ed ero andata a vederlo per la scienza (Skarsgardo e Margot Robbie), ma mi ha fatto passare un bel pomeriggio estivo alla ricerca disperata di un po’ di aria condizionata in fuga dal caldo milanese.

    The Man From UNCLE io l’ho adorato, avevo anche scritto una pseudo recensione ai tempi che furono dove ne tessevo le lodi. Guy Ritchie è uno che sa fare le cose e adesso sto aspettando il suo King Arthur che gia dal trailer sembra snatch meets mago merlino.

    Roba da consigliarti non saprei, stavo solo aspettando la terza stagione di Mozart In The Jungle che ho visto in una giornata come un’ingorda e ora piango. No in realtà ho iniziato The Crown, è davvero bella, devo riprendere la visione.

    Liked by 1 persona

    • Ciao carissima, è un piacere essere di nuovo qui!
      E ovviamente parlando di Guy Ritchie un tuo commento non poteva mancare 😀
      The Man From UNCLE conto di rivederlo, perché certi film [quelli su cui sono personalmente indeciso se mi sia piaciuto oppure no] una seconda visione è d’obbligo.

      Dell’ennesimo film su Re Artù invece me ne fregava meno di niente, ma il nome Ritchie mi ci ha fatto inevitabilmente interessare al progeto…poi è arrivato il trailer ed è stato tutto un “dannato Guy Ritchie, me l’hai fatta un’altra volta XD”.
      Sono curiosissimo di vedere che ne tira fuori!

      Mozart In The Jungle è sulla mia watchlist da tipo sempre! Ora però che Amazon ha aperto il suo servizio streaming anche qui in Italia è solo questione di tempo prima di cominciarne la visione.
      Ti farò sapere che ne penso 🙂

      The Crown invece è una serie su cui nutro zero interesse. La stessa cosa però la pensavo di Marco Polo e Stranger Things e ora sono tra le serie che più ho amato su Netflix quindi…mai dire mai XD.

      Liked by 1 persona

  7. È sempre un piacere leggerti. Parlando dei film, posso dirti che con Tarzan ho rischiato seriamente di addormentarmi. Occasione persa purtroppo; Waltz poteva essere un signor cattivo. Per quanto riguarda Tarzan ancora mi chiedo perché abbiano scelto proprio quell’attore imbarazzante.
    Vita di Pi invece è davvero un gioiello.

    Liked by 1 persona

    • Che poi senza offesa per il signorino, ma io manco lo conoscevo Alexander Skarsgard XD
      Già che sprechi un cast composto da Waltz, Margot Robbie e Sam Jackson dovresti nasconderti, se per di più metti come protagonista una bella statuina allora te le cerchi 😀

      Liked by 1 persona

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...