GUILTY PLEASURE: THIS IS CONSTANTINE. JOHN CONSTANTINE, ASSHOLE

Torno con la rubrica più scomoda e senza speranze che abbia mai scritto, la Guilty Pleasure Zone [lo “zone” lo fa sembrare quasi una cosa figa] dove mi diletto a scrivere cose assai belle di film obbiettivamente brutti, dove il bello è ciò che piace e dove si fa ciao ciao al giudizio critico
Lo spazio che è tipo uno di quei bar sporchi e malfamati a cui non daresti una lira ma dove si fermano tutti i camionisti perché in fondo è lì che si mangia bene, dove si parla con lo stomaco o al massimo con le gonadi mentre il cervello si deve levare dalle scatole che ci sta tanto di cartello e quindi aspetta fuori.

E dopo aver parlato bene di Jessica Alba de I FANTASTICI 4 con Jessica Alba, dello splatterone tamarrone PUNISHER: WAR ZONE e addirittura di quel film da seppuku che è 47 RONIN, torno a trattare di uno sfortunato cinefumetto con ancora una volta la cintura nera dei flop Keanu Reeves.

CONSTANTINE. Questo è il nome.

constantine-2

Un film lento e un po’ moscetto per cui provo un’inspiegabile amore, un film che mi rivedo ogni volta più che volentieri gioendo come se fosse la prima volta, un film che è veramente qualcosa di speciale ma che forse non l’hanno capito neanche i suoi stessi realizzatori.

Lo sapranno anche i sassi [ma ancora non l’han capito i fanboyetti di merda] che quando si parla di cinecomics o di film tratti da qualcheccosa bisogna avere sempre una mentalità apertissima, bisogna rendersi conto che non si sta parlando di un copia e incolla e che delle modifiche all’opera originale sono inevitabili e spesse volte necessarie. Per parlare di questo film però bisogna compiere il passo successivo: bisogna cancellare totalmente dalla testa ogni cosa che si è mai visto o letto o sentito sul fumetto. Le differenze sono troppe dal carattere di John, al look, alle sue origini, all’ambientazione, al tema, ecc ecc, insomma non c’entra un pene col fumetto.

MA non è questo il punto.
Il punto è che preso anche da se il film fa abbastanza cacare ma io lo adoro. Fatemene una colpa 😀

constantine-spider

Ho sempre amato questo genere cinematografico, quel filone horror/action di cui fanno parte film come PRIEST o VAN HELSING e saghe come UNDERWORLD o RESIDENT EVIL.
Quei film un po’ tamarretti in cui si prendono elementi classici da film dell’orrore tipo mostri o occultismo magari in un contesto sacrilego/religioso e li si usa per una storia degna di una fan fiction pieno di scazzottate e di effetti speciali di infimo livello [quanto erano brutti i lycan di Underworld?]

E il CONSTANTINE di Francis Lawrence [quel mattacchione che mi ha regalato altre guilty perle come IO SONO LEGGENDA e la saga della fame con la non imparentata Jennifer Lawrence] è esattamente questo, un mondo sotterraneo al nostro in cui paradiso e inferno si contendono le nostre anime, in cui angeli e demoni sanguemisto vivono invisibili in mezzo a noi, dove possiamo trovare sensitivi, stregoni voodoo, mercanti di oggetti satanici, night club sovrannaturali e dove un povero esorcista bastardo fa di tutto per guadagnarsi di nuovo il diritto di entrare in paradiso.

Non per essere volgare, ma d’innanzi a film del genere mi viene duro 😀

constantine-gun

Ma che zarrata è il fucile/crocifisso? Meraviglioso 😀

Questa versione di John Constantine è stata praticamente cucita addosso a Keanu Reeves, presenta tutte le caratteristiche che hanno [e avranno] i personaggi interpretati dall’attore canadese: è cupo, solitario, monosillabico, “maledetto” e al limite della depressione [Keanu non si è neanche sforzato a recitare].

Ma la sua strafottenza è irresistibile, il modo in cui risolve tutti i problemi tirandosela anche un pochino e illudendosi di fare del bene quando in realtà le sue azioni sono mosse dalla più bieca forma di egoismo [facendo fuori i demoni spera di comprarsi un biglietto per il paradiso].

constantine-3

Non che sia un personaggio originalissimo, ma ha una grossa attrattiva e il fu eletto Neo gli dona quel certo non so che, per non parlare della parentesi cancerogena, gestita malissimo ma che conferisce a Johnino un ulteriore sfumatura tormentata.
Ma in questi film fantasy/action/horror/vattelapesca il bello sono anche tutti quei bizzarri comprimari che orbitano attorno al protagonista e in questo film abbiamo delle figure degne di nota!

Abbiamo Papa Midnite [interpretato dall’incazzosissimo Djimon Hounsou] ex stregone voodoo che ha giurato neutralità nella guerra tra paradiso e inferno, gestore di un locale esoterico frequentato da individui di ogni genere dove presta i suoi servizi facendo però rispettare le sue ferree regole di neutralità tra le due parti. Come dice Constantine uno che passa il tempo ad “imitare la Svizzera“.

constantine-papa-midnite

Beeman e Padre Hennessy due fidati collaboratori di Constantine che forniscono armi e informazioni sui casi a cui lavora l’esorcista. Il primo è un tipo viscidone con la strana fissa per gli insetti che procura a John armamenti e altri oggettini interessanti [ampolle d’acqua santa, scarabeo stridente di Amityville, respiro di drago e altre sfizioserie del genere], il secondo è un prete affetto da insonnia con una connessione coi morti e l’aldilà che finisce con l’alcolizzarsi per poter”tenere lontane le voci”.

Ma se c’è una cosa che mi ha folgorato in sto film sono questi altri due riuscitissimi personaggi che porca di quella bagascia ladra bastano veramente loro due per rendere questo film uno dei migliori action/horror/valloacapire mai esistiti.

Il primo è Gabriele [interpretato da una disarmante e azzeccatissima Tilda Swinton] un arcangelo sanguemisto e doppiogiochista con un grande e profondo disprezzo per l’umanità!

constantine-gabriele

La scelta di far interpretare questo particolare personaggio ad un’attrice non solo lo trovo artisticamente interessante [gli angeli sono per tradizioni privi di sesso e i lineamenti taglieti su un corpo esile come quella della Swinton rendono il personaggio….adeguato] ma anche dannatamente azzeccato per il modo in cui parla e si muove e sputa merda addosso alla creazione di Dio con un elegantissimo accento britannico.

constantine-gabriel

Il secondo invece è Lui, il grand’uomo, cioè non QUEL grand’uomo ma l’altro grand’uomo, quello che sta in basso, quello che regna all’inferno, il primo dei caduti, il principe delle tenebre, il “figlio della perdizione”, il solo e unico Lucifero.

O “Lou” come lo chiama John.

constantine-lucifer

Il Lucifero di Peter Stormare è qualcosa di fulminante e sgradevolmente divertente. Un diavolo dall’aspetto rozzo ma dalla vena ironica con un umorismo grottesco e il gusto per l’orrido che lo porta a scherzare sul fato del moribondo Constantine o davanti alle frecciatine dell’angelo Gabriele. Una specie di spensierato ubriacone che ti porta all’inferno fischiettando allegramente, un demone dall’aspetto marcio e viscido vestito con un abito bianco candido ma sporcato da quella specie di melma nera fumante che si porta dietro al suo passaggio.
Un abito bianco sporco di melma, credo che bastino queste due parole per descrivere questo amabile Lucifero, protagonista di una piccola ma indimenticabile scena che grazie al menefreghismo della major verso questi impopolari “filmetti” vi potete gustare quasi interamente sul tubo.
Enjoy it!

In mezzo a tutto questo freakshow a farne le spese è la co-protagonista femminile interpretata da Rachel Weisz, un personaggio un po’ insipido e a tratti anche parecchio stupido [se sei ricercata da un gruppo di demoni e l’esorcista più famoso del mondo ti dice di RESTARE IN MACCHINA con tanto di amuleto magico a proteggerti, per quale cazzo di motivo scendi dal veicolo lasciando per altro il suddetto amuleto sul sedile?!?!?!] che se fossi stato nei panni di Constantine l’avrei data in pasto a Mammon alla prima occasione [tanto peggio di così].
Ma in fondo la si perdona perché quando sei Rachel Weisz ti basta apparire con una camicia bianca bagnata per far dimenticare a tutti le minchiate fatte durante il film 😀

constantine-rechel-weisz

Per concludere: metto da parte l’obbiettività, metto da parte il giudizio critico, tutto ciò che ho imparato sui film, il buon gusto dell’horror e la coscienza dei film d’azione. Metto da parte il fumetto, niente Hellblazer, niente Swamp Thing, niente Jamie Delano, niente Garth Ennis, niente satira ne denuncia sociale, insomma arrivo vergine davanti a questo film obbiettivamente mal riuscito e dico: “cazzo, mi piace“.

Perché è un mondo dentro a un mondo abitato da personaggi grotteschi ma irresistibili, perché il protagonista è un antieroe con la faccia del più classico dei Keanu Reeves [e chi è che non ama Keanu Reeves?] che ti sbologna con una bisbigliata frecciatina, perché nonostante la storia sia banale e pieno di spiegoni da far invidia a IL CODICE DA VINCI ti illustra una realtà a metà tra il magico e il sacrilego, un mondo dark che gioca con le icone e le credenze cattoliche come solo i B movie si permettono di fare ma con il supporto di discrete star e di effetti speciali degni di un videogame.

constantine-hell

Un 50/100 per i critici di Metacritic contro un bel 8.5 degli utenti, 46% sul pomodometro di Rotten Tomatoes a fronte del  72% del pubblico per non parlare di quel bel 6.9 su IMDb.
È chiaro che il film non sia piaciuto molto ai critici e a chi di film se ne intende, ma il pubblico di massa, quel branco di gentaglia che si crogiola nel cattivo gusto e ama sollazzarsi con brutte storie e gustose messe in scene lo ha amato e continua ad amarlo e io non posso che unirmi al coro!

Cazzo ce ne frega della qualità e dell’accuratezza a qualsivoglia opera originale quando abbiamo un Keanu Reeves dannatissimo, una sbottonata Rechel Weisz, un fricchettoso Papa Midnite, una perturbante angelo Gabriele e un macabro gigione come Lucifero che fanno da pedine nell’immenso ed eterno gioco tra il paradiso e l’inferno?

E tutto questo [ma anche di più] è CONSTANTINE. “John Constantine, stronzo”.

constantine-5

Annunci

34 thoughts on “GUILTY PLEASURE: THIS IS CONSTANTINE. JOHN CONSTANTINE, ASSHOLE

  1. Ormai su Rotten Tomatoes e Metacritic ci vado pochissime volte dato che la maggior parte delle volte i voti mi sembrano dati a caso. Per quanto riguarda Constantine invece ho qualche vago ricordo del film. Lo vidi da piccolo e mi piacque anche parecchio. Ero rimasto incantato da questo mondo oscuro e dal personaggio principale. Peccato che in questo momento non riesca a ricordare molto. Credo che dovrei ridargli una riguardata questi giorni.

    Liked by 1 persona

    • Onestamente non vado neanche io a vedere i voti su RT o Metacritic, al massimo do un’occhiatina su IMDb ma proprio per farmi un’idea generale [e su film che proprio non conosco]. Però in questo caso la disparità tra i punteggi dei critici e quella del pubblico è epocale! Su Rotten Tomatoes abbiamo un 46 contro un 72! È assurdo XD

      Questo è segno che il film è effettivamente bruttino [mettendo una mano sulla coscienza non posso certo dire che è un capolavoro] ma di un’attrattiva incredibile tanto da guadagnarsi l’amore del pubblico!

      In passato mi è capitato di rivedere dopo tanti anni dei film che mi erano piaciuti e il risultato non è stato dei migliori. A volte conviene tenersi solo il bel ricordo 😀
      Ma se ti piace questo genere fanta/horror allora ti straconsiglio di rivedertelo! Regala delle gioie non indifferenti!

      Liked by 1 persona

  2. Tu lo sai perché ne parlammo qualche commento or sono… Constantine è un gran film ed è la summa artistica di un guilty lpeasure, oserei dire la sua digivoluzione e se fosse un digimon sarebbe Cazzumon!
    Da quando lo vidi, ho sognato ogni notte di poter in futuro aprire un mio club e chiamarlo Midnite Café ed ancora adesso sono convinto che, come ci confidammo assieme tempo fa, quel Lucifero sia il migliore di tutti… la sequenza che tu hai riportato doveva essere uno dei miei tanti Kasa Shots pensati e non scritti, lo giuro, perché quella discesa da un nulla in alto verso il basso, con quei piedi pieni di pece e melma, che si sfregano come a riprendere vita e corpo, è strepitosa!
    Un guilty pleasure che è un tuo atto dovuto ad un film splendido, dallo specchio con cui all’inizio imprigiona il demone esorcizzato fino ai suoi viaggi negli inferi, molto copiati in futuro ma mai a questa altezza.
    Diciamo che mettendolo tra i guilty pleasure hai rischiato grosso, perché per me siamo in zona alta, serie A senza dubbio e parliamoci chiaro, anche il tanto celebrato Wick gli fa una bella pippa al Keanu di Constantine…

    P.S. Le armi di questo film se la giocano alla pari con quelle del Van Helsing di Sommers e del Hansel and Gretel: Witch Hunters di Wirkola (anche se in quest’ultimo le usava la Gemmona Arterton, che è dai tempi di Prince of Persia che è nel mio cuore…).

    Ti voglio bene PizzaSomething!

    Liked by 1 persona

    • Penso che sia ormai chiaro che gioco a un gioco di cui non conosco le regole XD
      Credo che il film finisca nella categoria Guilty Pleasure perché secondo i giudizi critici di gente che ne sa [chi sono questi poi vallo a capire] è un film che non supera la sufficienza. Ma è un film che in cul..ehm..in barba ai critici cinematografici è molto amato dal pubblico [e i dati lo confermano].
      Che è un po’ questo un guilty pleasure no? Un opera bocciato da critica o dalla massa o da Gesù Cristo o da chicchessia ma che ami e continui a riguardare nonostante i suoi difetti.
      E Constantine i suoi difettucci ce li ha, ma ha anche un enorme carico di ottime idee visive e scenografiche. Forse è uscito in ritardo [negli anni ’90 avrebbe spopolato] o forse era talmente avanti che la produzione non è riuscita a stargli al passo [non avevo notato come molte idee siano state riprese in altri film] resta il fatto che secondo me nel suo piccolo ha dato tanto al cinema di questo genere e verrà ricordato molto più di altri acclamati blockbuster [conosco persone che a stento ricordano il primo X-Men o il primo Batman ma ricordano a memoria questo Constantine…ma che assurdo mondo è questo? XD ].
      PS: no va bè la balestra automatica di Van Helsing era magnifica! Hansel e Gretel avevano un arsenale di tutto rispetto, ma quella balestra con quell’enorme tamburo a ricarica automatica ha segnato la mia gioventù [come tutto il film d’altronde] 😀
      PPS: a proposito di John Wick, io il film l’ho sempre visto come qualcosa di veramente piccolo e poco considerato, credevo che avrebbe fatto la stessa fine di numerosi altri film [tra cui Constantine] specialmente quelli d’azione bistrattati dalla critica ma ricordato dai fan [Jason Statham docet]….e invece ha fatto il botto O.O
      Strano come vanno a finire le cose, il mondo della critica [ufficiale e non] è peggio di una giungla….

      Liked by 1 persona

      • Penso che sia ormai chiaro che gioco a un gioco di cui non conosco le regole

        No, tu le regole le conosci benissimo, ma sei un mago ad infrangerle e ti vogliamo bene anche per questo…

        Che è un po’ questo un guilty pleasure no? Un opera bocciato da critica o dalla massa o da Gesù Cristo o da chicchessia ma che ami e continui a riguardare nonostante i suoi difetti.

        Perfetta definizione, assolutamente, come i film della serie di Resident Evil… tecnicamente non si guardano, ma al contempo danno un gusto pazzesco…

        P.S. La cosa che ho adorato di più di John Wick è il momento in cui il coglione di Game of Thrones porta la macchina da Martin… perché lui è il grandissimo Leguizamo, che in pochi secondi ruba la scena e caratterizza il mito di Wick…

        P.P.S. Ti sembrerò blasfemo, ma pur adorando Garth Ennis, il mio Constantine preferito non è né il suo né quello del ciclo American Gothic dello Swamp THing di Moore, ma quello della prima gestione seriale con le storie scritte da Delano e disegnate di Ridgway, con il suo lo stile sporco e nero … insuperabili…

        Liked by 1 persona

      • Grandissimo Leguizamo, tra l’altro gli molla una sleppa che metà ne basta! Era figa anche la scena dove il padre del suddetto coglioncello descrive John Wick dicendo al figlio che “John Wick non è l’uomo nero, è quello che chiami per far fuori il fottuto uomo nero”.
        Brividi! 😀
        Ma nei film d’azione c’è sempre quella scena in cui descrivono il protagonista come se fosse il peggio individuo del mondo [come in GIUSTIZIA PRIVATA, dove Michael Kelly racconta a quelli dell’FBI chi è Clyde Shelton e che nel dubbio non conviene rompergli le balle].

        A proposito di Delano, pensa che ho finito proprio ora di leggere il primo volume con le ristampe della prima serie di Hellblazer! Meraviglioso! Ammetto che la prima parte della primissima storia mi aveva un po’ spiazzato, mi aspettavo tutto ma non un tale livello di cinismo e degrado ma anche di onestà verso il personaggio [vedere in una delle storie Constantine terrorizzato in posizione fetale davanti ad un assassinio mi ha lasciato di stucco]. Una volta entrato nella mentalità di Delano il resto del volume l’ho divorato 😀 e i disegni di Rdgway sono adeguati, una meraviglia dell’orrido [anche se mi sono innamorato di quelle tavole allucinanti presenti nella storia dove un amico di John entra in una realtà virtuale, roba psichedelica da far invidia a Steranko].
        Da qualche giorno è uscito anche il secondo volume, inutile dire che sarà mio il prima possibile 🙂

        Liked by 1 persona

  3. SACRILEGIO!!!!

    Hai scritto una recensione su un film cui ha preso parte Rachel Weisz senza chiedere PRIMA il permesso a me!
    SACRILEGIO
    Caro Pizza, io ti voglio bene, ma stavolta l’hai fatta veramente troppo grossa.
    Tuttavia ti perdono, perchè alla fine hai messo quella bella fotina vedo\nonvedo della mia Rachel (e sottolineo il MIA), quindi per qusta volta soprassiederò. In futuro però ricorda di effettuare tutta la trafila burucratica necessaria ed indispensabile perchè sia scritta la rece su un film con la Weisz: scrivi una e-mail al CEO di WP spiegando DETTAGLIATAMENTE le ragioni che ti spingono a scrivere di Rachel e argomentando da subito la tesi che sosterrai nel post. Sarà poi cura del CEO di WP inoltrare la tua e-mail alla mia segretaria personale. Il mio INSINDACABILE giudizio, infine, stabilirà se tu potrai scrivere (hai capito bene: ho detto SCRIVERE, non PUBBLICARE, quindi non potrai nemmeno salvare la tua bozza o tenerne una stampa nel sottofondo segreto di un cassetto) il pezzo oppure no. Dopo che mi sarò espresso la comunicazione procederà a ritroso fino a te obbligandoti ad attenerti alle mie indicazioni.
    (ti chiederai perchè non puoi espormi la tua richiesta direttamente via e-mail, via Facebook o qualsivoglia altro canale o social media, ma risposta non c’è: )
    Detto questo, ti confermo e ti confesso che non solo il film è piaciuto anche a me (e non solo per la Rachel), ma che addirittura l’ho recentemente scaricato in HD per rigustarmelo 😀

    PS: invece del Constantine serie-tv che ne pensi? Io la serie non l’ho vista e ho visto solo i sui cameo in Arrow, senza che però mi colpisse troppo…

    Liked by 1 persona

    • Chiedo umilmente venia, ero ovviamente a conoscenza del diritto di proprietà della suddetta attrice e dell’esclusiva di cui godi per poterne parlare, scrivere o anche solo pensare [credo che ci siano anche dei comandamenti no? “Non nominare il nome della Weisz in vano” e “Non desiderare la Rachel d’altri”].
      Purtroppo non ero a conoscenza della procedura ufficiale da seguire per poter trattare, ma che dico trattare, per poter anche solo SUPPORRE di essere degni di parlare di un film in cui la somma Weisz è presente.
      Spero che almeno il mio tributo fotografico [ma giuro che l’ho cercato anche audio/video, purtroppo però non ho trovato materiale adeguato] sia servito per appianare in parte le mie colpe.
      Giuro davanti alle divinità di WP che un tale errore non si ripeterà!
      😀

      Venendo alla serie:personalmente m’è piaciuta parecchio nonostante qualche piccolo difettuccio tipo la trama orizzontale [deboluccia, ma in parte è colpa del network] ed è parecchio altalenante [non migliora ne peggiora col passare degli episodi, la qualità fa su e giù peggio di un’altalena].
      È un procedural/horror con tuti i pro e i contro del caso 🙂
      Tempo fa, prima della sua cancellazione, ci scrissi una rece: [ma forse c’è qualche spoiler, nel dubbio se ti vuoi evitare sorprese evita pure di leggere XD ]
      https://ilblogdipizzadog.wordpress.com/2015/03/06/constantine-recensione-stagione-1-salviamo-il-bastardo-inglese/

      Comunque credo che potresti apprezzare, ci sono episodi che sono realizzati veramente bene [tipo il 4, una delle cose più belle viste in tv l’anno scorso!].
      Fammi sapere se la seguirai, saresti uno dei pochi con cui poter parlare di questa povera e bistrattata serie XD

      Liked by 1 persona

      • Ti vorrei dire che la vedrò, ma onestamente sto talmente ingolfato con altre mille serie tv che ammuffiscono nel mio hdd da voler essere pienamente realista e ammettere che no, Constantine non la vedrò.
        Se non altro, così, avrò la scusa per poter leggere la tua rece senza paura degli spoiler ehehehe 🙂

        Liked by 1 persona

  4. Non c’entrerà una fava col vero Constantine ma sto film piace pure a me! Boh sarà per l’atmosfera che mi ha sempre affascinato e per qualche altra trovata, in fondo è un film onesto che non ha nessuna pretesa.
    Tanto i fan sembrano non aver nemmeno apprezzato la serie tv (personalmente non l’ho ancora vista, è in lista) e la critica maggiore era che quello non era Constantine. Sinceramente mi pare una cosa un po’ ingiusta, manco Arrow è Freccia Verde ma la serie inspiegabilmente è arrivata alla quarta stagione ma nessuno fiata. Misteri dei fandom.

    Liked by 1 persona

    • Il problema di Constantine è che alle spalle non ha i soliti fanboyetti che piagnucolano alla minima modifica del costume o della storia, il fandom è di quello “intellettuale” [forse anche peggiore XD ] di quelli che leggono fumetti adulti e graphic novel acclamate.
      Il film con Keanu Reeves è stupendo per me ma col fumetto non centra effettivamente una fava [potevano chiamarlo “Billy l’esorcista” e non sarebbe cambiato nulla] mentre la serie tv è già più fedele, ci sono puntate che sono delle vere e proprie trasposizione di singole storie, ma ci sono anche li delle inevitabili modifiche [com’è giusto che sia] e quindi giù di critiche….gente che non si accontenta mai.

      Liked by 1 persona

  5. Questo post mi era sfuggito!
    Bellissimo, come sempre, ma io questo Costantine non me lo ricordo! L’ho visto troppo tempo fa, ero giovane (forse giovanissimo) e avevo gusti molto più ristretti. E siccome questo titolo mi sta apparendo troppo spesso davanti ai miei occhi in questo ultimo periodo, arrivata la tua gloriosa rece, ho capito che mi tocca solo rivederlo per mettermi l’anima in pace (che in questo caso suona meravigliosamente ironico).
    Quindi me lo procuro e me lo sparo appena posso.

    Liked by 2 people

  6. Questo film non mi è mai dispiaciuto, non mi fa impazzire ma mi ha fatto trascorrere due orette in buona compagnia e senza troppi pensieri in testa. E chissenefraga di quello che pensano i critici e ciò che secondo loro deve essere bello secondo canoni stabiliti da non si sa chi: s’impicchi l’oggettività e se un film piace, piace e basta. Sono contenta che su questi temi la pensiamo ugualmente, non è facile trovare persone che ammettono di seguire le proprio emozioni, puttosto che le direttive della critica! 🙂
    Tornando al film, ho adorato troppo Tilda nei panni di Gabriele: lei è sempre un mostro di bravura, soprattutto in quei personaggi un po’ asessuati che tanto le calanzo bene! E come scrivi, forse l’unica nota stonata è Rachel Weisz, non tanto per l’inutilità del personaggio che ci può anche stare, ma è proprio un peccato non aver utilizzato le sue buonissime doti recitative con un personaggio un po’ più sensato. Fosse stata un’altra attrice quasi non l’avrei notato! E poi, beh, la bellezza di quelle armi tra lo steampunk e il truzzo style rimarrà nella storia! 😉

    Liked by 1 persona

  7. Hai detto tutto! Dal fascino di ogni singolo, speciale personaggio all’appropriatezza del cast, dall’importanza dell’ignorare l’opera originale (che io non ho mai letto, tiè!) alla figaggine delle atmosfere horror/azione/cazzute.
    Io l’ho amato sin dalla prima volta che l’ho visto, ma non oserei mai dire che è un capolavoro; tuttavia non è neppure un film stile Machete, perché non è affatto ridicolo. Per tutta la durata del film le atmosfere si mantengono serie, cupe, quasi allegoriche e non sfiora mai il trash.
    Mi è piaciuto molto come hai affrontato un film estremamente sottovalutato e criticato, complimenti.

    +1 fan

    Liked by 1 persona

    • Mi fai arrossire ma anche un po’ gongolare, ma alla fine il merito è tutto del film! Non si può parlarne male….o meglio si può, avoja, ne hanno dette di ogni, ma quelli come “noi” [ho dato una rapida occhiata al tuo splendido blog e ho l’impressione che siamo fatti della stessa pasta 😀 ] non possono rimanere indifferenti di fronte a queste cupe atmosfere e questi splendidi personaggi.
      Felice di aver trovato un nuovo compare nerd! 🙂

      Liked by 1 persona

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...